Classe prima

mercoledì 13 dicembre 2017

CORE ‘E CIUCCIO

CORE ‘E CIUCCIO

Scetate rafaniè!... ‘A sient’ ‘a porta?!
“E chi sarrà dint’ ‘a chest’ora ‘e notte?!
Cu sta tempesta ‘e neve ‘mmiezo ‘a via,
nun arapesso manco a mamma mia!”

“Per carità!... Creature del Signore
soltanto voi or mi potete aiutare…
io cerco solo paglia e ramoscelli
e riscaldarci con un fuocherello!”

“Scusate… ma chi site… e ‘a do’ venite?
Chest’è sulo ‘na stalla nun ‘a vedite?
Io sono rafaniello ‘o ciucciariello
sto ‘nzieme ‘o voio, ‘a ciuccia e ‘a vaccarella!”

“Ed io sono Giuseppe il falegname,
sto con Maria nell’adiacente grotta;
vorremmo qui trascorrervi la notte:
siamo sfiniti dal tanto camminar!

Stiamo scappando dalla Galilea,
non ci lasciate soli in questa via;
c’è un nascituro in grembo di Maria:
amore e bene il ciel vi renderà!”

“Scusate mastu Pè… Ma io nun capisco!
Nuje ringraziammo a vvuje ‘nziem’ ‘o Signore
si avimmo o nun avimmo ‘o ppoco ‘e bbene…
…Ma vuje pecchè nun jate add’ ‘e padrone?

Song’ uommene… So’ ggente comme a vuje
e ‘a gente songo tutte frate e ssore.
Lloro v’hanno aiutà cu tutto ‘o core:
nuje simmo sulo bestie e niente cchiù!”

“Mio caro e dolce bravo somarello…
come hai detto? Ti chiami rafaniello?
Oh che bel nome! E che buon cuore tieni…
Ma l’uomo, tu, non lo conosci bene!

Immagina che noi per ben tre giorni,
chiedemmo invano in tutte le locande
riposo e desinar ma siamo stati
sempre sgarbatamente allontanati!”

“Gesu! Ma staje sentenne, vaccarè?!
Ccà mastu Peppe e ‘a Vergine Maria,
so’ stat’abbandunate mmiez’ ‘a via…
… po’ dicene ca nuje simm’ animali!

A faccia mia! E j’ che speranza tengo?!
Mo’ ll’aggio, ‘o vvi’, nu poco ‘e vrenna ‘e cchiù!
Ma allora è overo ca ll’ommo è senza core:
c’ arraffa solamente e nun dà niente!

Ma sono tutti, tutti quanti uguali?
Nisciuno sape ‘o bbene addo’ sta ‘e casa?
Io mo’ capisco… senza lu surdacchiello:
nun fanno bene manche a ‘o bambiniello!

Sentite ‘on Pè… turnate addu Maria…
dicitincello… si è pronta… po’ figlià!
Mo’ vengo ‘nzieme ‘o voio; purtammo ‘a paglia
e ce penzammo nuje p’ ‘a fa’ scarfà!

Simmo animali ma nun simme fetiente!
Nuje dammo ‘a vita a cagno ‘e poco o niente
e si putimmo fa’ nu poco ‘e bbene…
ce basta ‘o piacere ‘è dint’ ‘o core!

Qualcuno diciarrà: -Pirciò si’ ciuccio!-
Ma j’ me sento ‘o core ‘e nu signore;
e si stu core ‘e ciuccio ‘o bbene fa’:

voglio fa’ ‘o ciuccio pe’ l’eternità!”

Nessun commento:

Vico Equense: zoom sulla città